Posts tagged with "Artisti"

Il tuo matrimonio? Per essere perfetto dovrebbe avere un tema

temaSembra non sia la solita moda del momento.
Senza far perdere di solennità e protocollo all’evento, avere Il filo conduttore che permetterà di creare armonia tra tutto ciò che riguarda il matrimonio e che rappresenterà il tema, è ormai un completamento necessario.
Come sceglierlo?
La propria storia, la vita e gli interessi comuni dei futuri sposi possono essere un ottimo punto di partenza, con originalità.
Scopiazzare dal matrimonio “trendy” a cui si è partecipato due mesi prima non serve, decisamente sconsigliato.
A nostro avviso il tema dovrebbe o potrebbe essere anche contestualizzato rispetto al luogo e al periodo che si è scelto.
Qualche suggerimento: vi sposate in provincia di Salerno il prossimo anno a dicembre? Luci d’artista può essere un tema.
La vostra più grande passione è fare le valige? Quale miglior filo conduttore del viaggio.
Siete amanti della natura? Divorate libri? Senza la danza non vivete?
A pensarci bene, non c’è che l’imbarazzo della scelta.
In ogni caso, deve essere qualcosa di autenticamente vostro, solo così sarà comunque originale.
Fatta la scelta, event e wedding planner in gamba saranno pronti a realizzare nel concreto quanto ideato.
Celebrate now!
tema2

ARTE E DIMORE STORICHE…VALORIZZIAMO?

quar2
La storia di un luogo è fondamentale… la memoria, il ricordo del passato, tutto meraviglioso…. Ma non si dice sempre che il passato serve a costruire il futuro, ed anche, naturalmente, il presente?
Si può certamente concordare sul fatto che nulla valorizzi di più pregi artistici ed architettonici di epoche trascorse come gli occhi di chi cerca ora, nel nostro tempo, di “creare”.
Ed in realtà, l’arte non soggiace come noi ai limiti spazio –temporali.
Questa la ragione di fondo che ha spinto la proprietà di villa Wenner a coinvolgersi nell’iniziativa della Biennale d’arte 2016 di Salerno, ospitando nella sua dependance quattro artisti per una settimana: due donne e due uomini, colpiti dal potente virus dell’arte, messi in “quarantena”.
In tale circostanza il “virus” viene isolato, ma non può mai essere rimosso.
Controllati a vista dalle telecamere e seguiti in streaming dal pubblico, i selezionati sono stati “costretti” a fare arte in estemporanea per sette giorni, in una sorta di piacevole prigione, mentre fuori “imperversa” la Biennale d’Arte Contemporanea.
“Il virus” non rimosso, in realtà sarà un potente arricchimento per tutti, ed anche per il posto.
Da adesso in poi chi vorrà vivere in questo luogo magico un evento importate da celebrare, avrà la consapevolezza di trovarsi in un sito prestigioso sì per il suo passato, ma proiettato in avanti… che vive.