Posts in "Tendenze banqueting campane"

La vita comincia a sessant’anni a villa Wenner

53730297_10216119038506514_5567487855795634176_nLa vita può cominciare a sessant’anni, e se si festeggia questo traguardo /punto di partenza in una dimora storica, è meglio.
La prova? Ecco in arrivo per voi la piccola grande storia gioiosa ed elegantissima del compleanno dell’architetto Nicola Pellegrino.
E allora? Direte voi, che sarà mai? Sempre di una festa trattasi.
In realtà c’è molto di più.
C’è la storia dell’incontro di noi proprietarie con una squisitissima persona, tanto per cominciare.
Il gancio era stata la nipote, che aveva amicizie comuni e che conosceva il posto.
DSCN2903Le scelte fatte, dalla musica, al rinfresco, all’intrattenimento, hanno immediatamente evidenziato stile impeccabile e contestualizzazione perfetta.DSCN2905DSCN2913
Probabilmente un progetto già delineato nell’anima e nel cuore di Nicola, che doveva prendere solo concretezza.
Che dire poi dello sguardo culturalmente consapevole del valore del posto – cosa sempre gratificante – e della naturale inclinazione per il bello.
E cosa ancora? Il recupero del paravento antico con intarsi in madreperla della nostra nonna – ad esempio – Collocato per l’occasione, su consiglio del festeggiato, finalmente in una cornice che merita! Read More

Diciotto anni nel 2018, a villa Wenner.

Diciotto anni nel 2018, a villa Wenner. I diciottenni dell’anno appena finito. DSCN2470Posiamo con certezza identificare una vera e propria generazione. Amano location antiche e prestigiose. Per loro, il diciottesimo compleanno è un momento importante, un debutto in società, come ai vecchi tempi.46441155_10216466480648962_1407289710056833024_n
Ma vecchi non sono questi ragazzi. Conoscendoli bene si avverte qualcosa di particolare.40467977_2089990911247540_8803269762235760640_n
Forza e positività misteriosa, che va oltre l’essere semplicemente “giovani”. Forse il tutto deriva dal fatto che sono nati fuori dalle brutture del Novecento o forse. .. chi lo sa.
Ricordate nel marzo scorso la marcia su Washington di più di ottocentomila ragazzi del movimento Never Again per dire no alle armi nelle scuole? questo è lo spirito che li muove.
Maturità da vendere, seri ma non pesanti. Guardano al futuro già consapevoli che tutto può cambiare, ma che qualcosa di bello, le tracce fondamentali da seguire quelle no, non cambieranno mai.
Ascoltano i Symphoniacs, Arianna Grande, vogliono buoni risultati a scuola e sono competitivi, sanno anche fare squadra quando serve. Ascoltano, ascoltano tanto e si fanno guidare, ma quando hanno un’idea chiara… nessuno li smuove.
A volte sembrano solo assecondarti, ed è lì che devi lasciare spazio e far sì chi spicchino il volo.
Dicono che sembrano tutti uguali, che tendono a crearsi immagini simili tra loro. Forse è solo chi li guarda dall’esterno che commette l’errore di etichettarli, travisandone l’immagine.
Qui ne abbiamo conosciuti tanti quest’anno che hanno festeggiato il loro compleanno o che sono venuti invitati da amici.DSCN2823
Si comportano e fanno le loro scelte in modo consapevole, con il desiderio della convivialità e della condivisione con amici e parenti anche di età diverse, In barba agli stereotipi di musica assordante, dipendenza tecnologica e logiche da braco. Alle loro feste non manca mai il video, vogliono già cercare qualcosa di memorabile nella giovane storia della loro vita. Come per dire: la relazione umana e l’affettività prima.28701291_10213754108599175_205901574525169830_o
Dunque, i diciottenni 2018 a villa Wenner, noi li abbiamo conosciuti così.DSCN2463DSCN2713

A villa Wenner un evento perfetto… E se lo facessimo a Natale?

A villa Wenner una festa, un evento perfetto ha il suo momento più indicato, nonostante ogni stagione qui abbia il suo incanto.
Natfot201art1Qual è questo periodo favorito? Ma Natale con il suo winter time, naturalmente.
Per i privilegiati che compiono gli anni in dicembre o gennaio: pensate ad un party, una festa a tema Natale?
Come dire, Babbo Natale ti regala il compleanno!
E’ un tempo in cui …. Non c’è tempo per essere tristi!
Ci sono posti con un fascino particolare a Natale, che sembrano creati a posta per celebrare questo periodo, e villa Wenner è proprio uno di questi posti.Natfot18art
E allora, che si tratti di compleanno, battesimo, matrimonio… ci rendiamo conto che il tema è bello che fatto?
Musica, decorazioni, colori, spirito e voglia di condividere inclusi. Fiocchi dorati, abiti rossi, il verde degli abeti, l’agrifoglio e.. perché no? Luccicanti gioielli. I magi, d’altronde, portarono doni preziosi e simbolici a quel bimbo salvatore del mondo.
Quando festeggiamo, non dimentichiamoci il Presepe con lo sguardo di amore assoluto che arriva da lì.
Il modo più bello di celebrare.
E per essere più prosaici…. Vogliamo parlare del cibo?
decorations-for-buffet-table-at-wedding-reception-wedding-reception-buffet-table-ideas-candy-buffet-table-decoration-ideas-decorate-buffet-table-christmas-partyBasti pensare ai dolci, che già da soli renderebbero un buffet principesco.
Tornando alla cornice quindi, questa ormai si sa che è a vocazione Christmas time, senza alcun dubbio .
Villa Wenner è proprio il classico luogo che crea un’atmosfera, e lo testimonia anche il video di auguri 2017 dei Non Solo Gospel, che hanno scelto proprio questa location per girarlo, ma lo testimonia soprattutto la sua storia.
nat18fotCominciamo col dire che s. Gallo in Svizzera, città cara alla famiglia Wenner, è al secondo posto nel mondo come atmosfera natalizia, prima di lei c’è solo Rovaniemi, in Lapponia (la città di Babbo Natale).
Normale quindi, che gli architetti mitteleuropei che hanno costruito la villa avessero il Natale nel DNA dei loro progetti.
Allora, visto che un luogo è di chi lo ama, visto che ormai non manca tantissimo, fra un po’ l’aria sarà più fresca, le foglie dell’acero più gialle, già qualche funghetto sul prato qua e là… Prepariamoci per tempo.

La mia festa… un giorno perfetto a villa Wenner

Un giorno veramente perfetto per la mia festa a villa Wenner. Perché ogni festa che qui si fa è un po’ la mia, e conservo di ogni evento un ricordo speciale.
Storytelling breve ma neanche poi tanto sull’arte di sentirsi un festeggiato o una festeggiata molto particolare.35884200_10214577837911893_3698168159858065408_o
Credetemi, l’unica cosa che conta è condividere, parola di proprietaria di dimora storica. Si possiede solo quando si sa condividere.
Per scoprire il valore particolare di quello che possiedo e che mi è stato offerto dalla vita, capirlo a pieno, ho dovuto sempre osservare l’attenzione e lo stupore degli altri su questo.
Come organizzare una festa di compleanno per adulti, bambini, giovani che si affacciano all’età adulta?
Non ci sono regole particolari. 33662359_10214389111353847_8919143783698792448_oChi dice che solo i bambini hanno diritto ad una bella festa di compleanno? tutto sommato, avere un anno in più non è poi così male in qualsiasi momento della vita! E se poi ci sono dei traguardi particolari, decennali, il famigerato diciottesimo compleanno…
A pensarci bene una regola esiste: osservare tutto, ascoltare tutti e poi.. fare di testa propria.
La vera festa di compleanno originale è tutta racchiusa in questa regola, a ben pensarci.
Tante sono le tendenze, tanti gli stimoli. Basta una ricerca su Google e si comprende, e si può andare in confusione.
Scegliere secondo ciò che ci corrisponde ed avere chiari gli obiettivi, alla fine paga.
Location, buffet devono richiamare a questo. 35974522_10214577836071847_470788888781127680_oAnche la stagione e i tempi sono importanti: Estate con notte al chiaro di luna? Autunno con i mille colori? Inverno dal sapore natalizio? Primavera fiorata e profumata?
E il tempo condiziona il luogo, anche se ci sono posti particolari, come villa Wenner, dove ogni stagione, ogni momento ha il suo senso per essere vissuto nella gioia e nella celebrazione.
E allora.. che sia diciottesimo, quarantesimo, anniversario e quel che sia, cento di questi giorni vanno augurati.

villa Wenner e Royal wedding, può essere per tutti

A villa Wenner per organizzare un matrimonio da favola?villa-wenner
Prima di rispondere, focalizziamo alcuni punti.
Tempo di matrimonio principesco in Gran Bretagna, in questi giorni siamo tutti attaccati ai social e ai tabloid per vedere, commentare e sognare.
Perché?
Perché da sempre tutti desideriamo vivere una favola, perché ultimamente, proprio ciò accade in un mondo che un tempo sembrava inaccessibile, si palesa in realtà molto più vicino ed accessibile di quanto comunemente non si pensi.

Nozze reali a confronto

Nozze reali a confronto

royal-wedding-comparison-meghan-markle-wedding-dress-1526759055Kate, Meghan, donne normali sicuramente non appartenenti ad ambienti aristocratico – alto borghesi (per non dire massoni) con un vissuto certamente non da principesse predestinate. Perché allora non una di noi? Questa, in sintesi, la grande rivoluzione.
E qui non si può prescindere da un dato: la strada l’aveva spianata lei, lady D, con la sua lotta alle ipocrisie e il suo essere sincera fino a mostrarsi con tutte le sue fragilità. In realtà una grande forza. Il prezzo pagato sappiamo tutti è stato caro, forse troppo, chi lo può dire.lady Diana Spencer
Ma ora siamo qui, col dono più grande: poter sognare.
Ed avendo allora sdoganato il concetto che tutte possiamo essere principesse e nobili nei valori, permettendoci un gran giorno da favola, entriamo nei dettagli.
Certamente, scegliere una dimora storica come villa Wenner è il primo passo verso un matrimonio regale, ma vorremmo aggiungere anche alcuni saggi consigli.
Cominciamo col dire che non sono i soldi o il budget investito che costruiscono un evento esclusivo, ma il saper scegliere e il gusto. Un poeta di particolare sensibilità, Davide Rondoni, ha detto che il gusto ci salverà, e noi ci crediamo.
Rimanendo in tema di location, non tutte le dimore storiche, villa Wenner compresa, hanno dei costi inaccessibili.
Il secondo e prezioso consiglio è quello di non copiare! Ognuno di noi ha un proprio stile e dei propri desideri. Quelli sono i veri sovrani. Appaghiamoli secondo le nostre possibilità e saremo re e regine.
Vi ricordate il film Sabrina? Dopo l’uscita nelle sale cinematografiche una valga di neonate furono battezzate col nome di Sabrina. Non risulta che siano diventate tutte Audrey Hepburn. Per questa ragione, copiare l’abito di Meghan non ci farà somigliare a lei.
Usiamo libertà anche nel farci consigliare, ascoltiamo tutti ma alla fine dobbiamo decidere noi, per l’abito, gli invitati, il menu, la musica e su ogni aspetto.
Proprio Meghan e Harry hanno insegnato che dare la propria impronta “sovrana” è possibile.


E allora? Allora che sia il nostro royal wedding party